Xiaomi Mi A2 4/64

249,00

GLOBAL VERSION 4/64

condizioni: PARI AL NUOVO

accessori: SCATOLA – CARICABATTERIE – CAVO DATI – AURICOLARI

PROVA D’ACQUISTO DEL 22 AGOSTO 2018

1 disponibili

Descrizione

Descrizione

Xiaomi rinnova una delle sue collaborazioni più vincenti del 2017 con Google e aggiorna la sua linea di smartphone Android One. A Madrid ha infatti presentato poche settimane fa il Mi A2 che, accompagnato da un fratellino “Lite”, e caratterizzato da un nuovo System-on-Chip, un pannello 18:9 e fotocamere più performanti.

Dimensioni e costruzione

Se provenite dal Mi A1 e siete abituati a quel design, col nuovo Mi A2 vi troverete da subito a casa.

Sia per dimensioni che per costruzione lo smartphone non si discosta molto dal suo modello precedente. Il corpo interamente costruito in alluminio si allunga di circa 3mm, per una lunghezza totale di 158.7.

Il resto delle misure rimane quasi invariato: 7.3 di spessore e 75.4 mm di larghezza. Nonostante questo la sensazione in mano è leggermente più piacevole, in quanto i bordi sono più arrotondati e smussati.

Il sensore d’impronte digitali è sempre posto sul retro e rimane molto veloce. Sul Mi A2 lo scalino del sensore è meno profondo e quasi a filo con la scocca, questo lo rende più difficile da individuare. Il problema si risolve se userete lo smartphone con la custodia fornita in dotazione che va a creare un incavo ben posizionato.

Il modulo delle fotocamere rimane molto rialzato rispetto alla scocca e balla vistosamente quando, posato sul tavolo, si va a scrivere. Anche qui si riesce ad attenuare il problema con la custodia ma un minimo di oscillazione rimarrà sempre.

Il Mi A2 frontalmente cambia totalmente d’aspetto: i tasti soft touch si spostano sul display. Questa unità si aggiorna diventando un 18:9 Full HD + (2160 x 1080) con una diagonale 5.99. Il pannello è un IPS LCD, abbastanza luminoso e visibile alla luce del sole. Una buona qualità, ma non superiore rispetto ai concorrenti, nella media per la categoria in cui si trova.

Purtroppo la polarizzazione dello schermo non permette la visione del display in verticale con occhiali polarizzati. Caduta di stile che si poteva evitare, soprattutto considerando che il Mi A1 era visibile in qualsiasi posizione.

Grande assente rispetto all’Android One di Xiaomi dell’anno scorso è il jack audio 3.5. Non ci dobbiamo stupire più di tanto se nel 2018 questa componetene è sempre meno presente, ma la sua assenza sarà sicuramente un deterrente per molti dei potenziali acquirenti del Mi A2.

Xiaomi continuando la sua tradizione posiziona il bilanciere del volume e il tasto power sul lato destro, lasciando il lato sinistro più pulito con solo lo slot per la doppia sim. Purtroppo questa volta si va a perdere la possibilità di espandere la memoria tramite Micro-SD.

Sul lato superiore è presente il secondo microfono per la soppressione dei rumori insieme al sensore infrarossi per comandare i nostri elettrodomestici. Nel lato inferiore sono posti il microfono principale, l’unico speaker mono e la porta di ricarica/dati USB Type C.

Hardware

Sul lato hardware il Mi A2 non delude. È presente il SoC Snapdragon 660, un chip di Qualcomm dalle ottime prestazioni e dai consumi ridotti. Questo chip è un octa-core presente su smartphone di fascia medio/alta.

Lo smartphone è configurabile con 32 e 64GB di memoriaentrambe con 4GB di Ram. Mentre per la versione con 6GB di RAM dovremmo scegliere quella con 128GB di storage interno. Le memorie ROM sono sempre di tipo eMMC, non velocissime, ma comunque coerenti con il prezzo del device.

Sul lato connettività è presente il Bluetooth 5.0 ma assente l’NFC.

Sebbene nel SoC Qualcomm 660 sia presente il modem x12 che supporta l’LTE-A con aggregazione di banda 3ca fino a 600mbps, sul Mi A2 non siamo mai riusciti ad ottenere nella nostra zona il 4G+ con Vodafone. Con la stessa sim Vodafone su un OnePlus 5 è possibile collegarsi in 4G+.

Probabilmente Xiaomi continua a non supportare l’aggregazione di banda così come ha fatto in passato con altri suoi device.

 

Disclaimer: Ovviamente ci riserviamo di effettuare altri test con altre sim appena tornati in redazione post ferie.

La batteria è leggermente sottodimensionata rispetto agli smartphone che utilizzano lo stesso processore usciti in questi mesi. Questo influisce negativamente sulla durata: con una batteria da 3010mAh si riesce sempre ad arrivare fino a sera, ma è ben lontana dai due giorni di utilizzo possibili con altri smartphone concorrenti.

Avrei preferito che venisse utilizzata una batteria un po’ più grande. Il Mi A2 sarebbe stato leggermente più grosso, ma con una durata maggiore e magari si sarebbe anche risolto il problema dello scalino sul modulo della fotocamera.

Xiaomi in confezione ha incluso un alimentatore solamente 5V/2A che permette una ricarica rapida ma non Quickcharge 3.0, nonostante il SoC Snapdragon 660 la supporti.

Sempre in confezione è presente un adattatore USB C – Jack Audio 3.5 che va a sopperire alla mancanza del connettore.

  • Sistema operativo: Android Oreo 8.1 + Patch Sicurezza 5 Agosto
  • Display: 5.99 pollici 2160 x 1080 IPS LCD 18:9
  • Processore: Qualcomm Snapdragon 660 octa-core 2.2 GHz
  • GPU: Adreno 512
  • Memoria: 4/6GB RAM – 32/64/128GB storage
  • Fotocamere posterori: 12mpx f/1.75 + 20mpx Low Light – 4K/1080 video
  • Fotocamera frontale: 20mpx  – full HD video
  • Connettività: 802.11 ac Wi-Fi (2.4 e 5GHz), Bluetooth 5.0, 4G LTE, Type-C
  • Dual nano-SIM: Dual LTE
  • Posizionamento: GPS, A-GPS, Glonass, BeiDou
  • Batteria: 3010 mAh, Quick Charge 3.0
  • Dimensioni e peso: 158.7 x 75.4 x 7.3 mm / 168g

Benchmark
Fotocamera

Durante la presentazione a Madrid, i ragazzi di Xiaomi hanno passato gran parte del tempo a parlare della nuova fotocamera sul Mi A2 definendola “Picture Perfect”.

Posteriormente vengono usati due sensori, il primario da 12mpx con apertura f/1.75 e pixel da 1.25μm. Il secondario non viene utilizzato per scatti 2x o con obiettivo grandangolare, ma è un particolare sensore da 20mpx con pixel più grandi del normale da 2μm per scatti più luminosi in condizioni di scarsa luce.

Durante queste giornate estive con una luce del sole diretta e particolarmente favorevole, gli scatti sono di buonissimo livello. In controluce fatica un po’ ma quando nella foto sono presenti zone d’ombra e luce l’HDR riesce a lavorare bene e illuminare al meglio le zone buie.

Ovviamente è possibile registrare video sia in 4k che 1080p. I colori sono riprodotti bene e la gamma dinamica è abbastanza ampia e fedele alla realtà. La stabilizzazione è elettronica e presente solo posteriormente se si filma in 1080p.

I selfie con la fotocamera anteriore da 20mpx sono altrettanto buoni, sia di giorno che la notte. Un buonissimo dettaglio anche se la notte ovviamente aumenta il rumore.

È presente la possibilità di effettuare scatti con effetto bokeh sia con la fotocamera posteriore che con quell’anteriore che lavorando con un singolo sensore riesce comunque a scontornare bene il soggetto.

In notturna ovviamente aumenta il rumore, ma gli scatti sono comunque buoni e fermi. In modalità manuale si può decidere quale dei due sensori utilizzare, si riescono a notare delle differenze nella gestione delle luci tra le due foto. Scattando in automatico farà una sorta di fusione e ottimizzazione tra le due foto.

Software

Gli smartphone con Android One come sappiamo sono più stock dei Google Pixel, le personalizzazioni dell’azienda produttrice dell’hardware sono ridotte al minimo. Troviamo qualche voce in più nelle impostazioni rispetto ad Android AOSP, un app di segnalazione Xiaomi, l’app di controllo del sensore infrarossi, un file manager e l’applicazione che gestisce il reparto fotografico.

Per il resto il Mi A2 è pulitissimo con poche funzioni superflue. Questo ovviamente influisce sull’uso del device che rimane sempre scattante e reattivo. Nel 2018 si inizia a sentire un po’ il collo di bottiglia creato dai 4GB di ram: in condizioni particolari con app in background davvero grandi ho visto qualche ricaricaricamento, ma nell’uso di tutti i giorni non ho riscontrato particolari criticità.

Qui Android Oreo è in versione 8.1.0, durante i primi giorni d’uso girava con le patch di giugno ma subito iniziato agosto sono arrivate tempestive le patch di sicurezza (aggiornate al 5). L’update in questione ha permesso di migliorare le performance del Mi A2 e ha portato qualche bugfix che hanno risolto tanti dei problemi di gioventù del device.

Con questo smartphone non ci dovremo preoccupare degli aggiornamenti poiché sono garantiti da Xiaomi che usando Android One in collaborazione con Google permetterà almeno 2 anni di update. Riceveremo sicuramente Android P e probabilmente il nuovissimo Android Q del qualche si conosce ancora poco.

Modding

Nel 2017 e nei primi mesi del 2018 tantissime persone hanno scelto il Mi A1 grazie una politica di Xiaomi di mentalità aperta che ha permesso lo sblocco del bootloader molto facilmente.

Anche quest’anno si segue questo trend. Infatti lo sblocco del Mi A2 è veloce tramite fastboot da terminale adb sul pc. Per la gioia di molti utenti è già possibile attivare le camera2api per utilizzare la gcam: applicazione fotografica che porterà sicuramente tantissime persone ad acquistare il Mi A2.

Conclusioni

Il Mi A2 si riconferma come lo standard degli Android One da seguire e da scegliere. Un device dal basso costo, performance non di livello massimo, ma di qualità. Fluido e reattivo senza lag con un display dove la lettura e la visione di contenuti multimediali è piacevole.

Se possedete uno Xiaomi Mi A1 le motivazioni per passare al nuovo modello sono molteplici, ma in primis la fotocamera. Gli scatti sono finalmente di buona qualità e non sono più il tallone d’Achille dell’azienda cinese.

Il Mi A2 è uno smartphone adatto a tutti: andrà bene per l’utente più comune che effettua solo un utilizzo social e chat, ma anche all’amante del sistema stock e della sua reattività. Uno smartphone che strizza l’occhio anche all’utente più esperto che vuole avere pieno controllo del suo device cambiando sempre rom. Unico compromesso da prendere in considerazione: una batteria non eccellente, ma che comunque arriva a sera.

Xiaomi va a limare e ed eliminare tutte quelle imperfezioni e problemi presenti nella precedente versione e al prezzo al quale viene venduto è difficile trovare di meglio con così pochi compromessi.

Informazioni aggiuntive

Informazioni aggiuntive

Display

6.0

Ram

Memoria

Camera

12

Doppia sim

S. O.

Android

Recensioni (0)

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Xiaomi Mi A2 4/64”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shipping & Delivery

Al momento dell'ordine il cliente può decidere il ritiro gratuito in negozio o la spedizione tramite corriere di nostra fiducia. La spedizione verrà effettuata entro 24 ore dal momento dell'ordine, il corriere impiegherà 48/72 ore per effettuare il primo tentativo di consegna a domicilio Le spese di eventuale spedizione sono di 6,90€ indipendentemente dal valore del prodotto o dalla quantità acquistata. Eventuali danneggiamenti della merce durante il trasporto dovranno esserci comunicati tempestivamente tramite raccomandata o mail, e avranno seguito solo nel caso sia stata posta riserva al corriere al momento della consegna.