Descrizione

Descrizione

Mobvoi ha lanciato da alcuni mesi anche in Italia i due interessanti smartwatch Ticwatch Express e Ticwatch Sport (più comunemente chiamati Ticwatch E ed S), entrambi basati su sistema operativo Android Wear 2.0 e dotati di un’eccellente rapporto qualità/prezzo. Nelle ultime settimane, abbiamo provato entrambe le versioni e alla mia esperienza quotidiana (Lorenzo) si è aggiunta l’esperienza di Riccardo che ha provato il modello S recentemente e che conferma la bontà del prodotto anche per lo sport.

La recensione di oggi è quindi cosi strutturata:

  • parte scritta dedicata al modello Express e al software che è praticamente identito a tutti i wear e TicWatch.
  • parte video dedicata al modello S con tutta la disanima sportiva di Riccardo

Entrambi gli orologi sono disponibili in tre colorazioni, due delle quali particolarmente indicate per l’estate, ad un prezzo ufficiale di 199 euro per la variante Sport e di 149 euro per la Express dal 19 aprile.

DESIGN SEMPLICE E GIOVANILE

Dopo una breve introduzione della gamma Ticwatch, focalizzo l’attenzione sul modello in mio possesso, ossia l’Express. Esso si presenta con un design minimale ma allo stesso tempo curato con scocca interamente realizzata in policarbonato e cinturini standard da 20mm intercambiabili in silicone molto morbido. La prima impressione che ho avuto all’apertura della confezione è quella di un indossabile “fresco”, perfetto per i mesi estivi, soprattutto nelle varianti bianca e gialla. Esse, infatti, hanno una cassa semitrasparente davvero curata e ben realizzata. L’unica nota stonata riguarda gli spigoli troppo vivi che a volte possono diventare fastidiosi.

Da non trascurare il peso complessivo decisamente contenuto, pari a 41,5 g, la possibilità di smontare velocemente i cinturini grazie allo sgancio rapido e la certificazione IP67 che garantisce una completa protezione contro polvere, sabbia e immersione temporanea in acqua.

Nel complesso, il Ticwatch Express si tiene bene al polso e potrà essere indossato senza problemi sia per praticare attività fisica, sia durante tutta la giornata. La sua leggerezza e morbidezza fanno quasi dimenticare di averlo al polso.

HARDWARE COMPLETO: GPS E SPEAKER PRESENTI

Da un punto di vista hardware ai Ticwatch non manca nulla, o quasi. Esternamente troviamo un lettore per il battito cardiaco posizionato nella parte a contatto con la pelle affiancato da alcuni PIN magnetici per la ricarica dello smartwatch, un pulsante fisico laterale, situato nella parte sinistra e non a destra dove solitamente lo inseriscono la maggior parte dei competitor, un microfono, uno speaker audio ben nascosto e un display circolare da 1.4 pollici OLED del quale scriverò più avanti.

Al suo interno troviamo un processore MediaTek, precisamente l’MT2601 dual-core da 1.2 GHz accompagnato da 512MB di RAM, dai classici 4GB di memoria interna e da una batteria da 300 mAh capace di garantire un giorno e mezzo di utilizzo con una sola carica, una autonomia in linea con la maggior parte degli Android Wear disponibili in commercio. Non mancano il sensore di prossimità, il giroscopio, l’accelerometro, la bussola e perfino il GPS.

DISPLAY OLED

Il display è una delle migliori caratteristiche dello smartwatch, soprattutto per la nitidezza e l’elevata luminosità offerta. Mettendolo a confronto con altri due Android Wear in mio possesso, precisamente con il Diesel On Full Guard, recensito qualche mese fa, e il Fossil Q Founder di 1° generazione si può notare la netta differenza di luminosità a favore dell’Express. Peccato che quest’ultimo non sia dotato di sensore per la regolazione automatica della luminosità che ci costringe, quindi, ad aumentarla o diminuirla manualmente cliccando sull’apposito tasto che compare effettuando uno swipe verso in basso sullo schermo.

Diesel On Full Guard, Ticwatch Express e Fossil Q Founder.

Tutto sommato, reputo, in questo preciso caso, l’assenza del sensore una mancanza trascurabile per un semplice motivo: impostando il livello di luminosità a 2 o 3 avrete un display ben visibile praticamente in qualunque circostanza. Tra gli altri aspetti positivi del pannello citiamo la buona densità di pixel (400 x 400 pixel), non la più elevata in assoluto ma comunque adeguata per il prodotto, i neri assoluti (tecnologia OLED) e la totale assenza di bordi che circondano il display.

Sono davvero tante le qualità positive di questo smartwatch che, dopo appena qualche ora di utilizzo, ci si dimentica di avere al polso uno dei più economici Android Wear in circolazione.

SISTEMA OPERATIVO

Il sistema operativo di Google, sviluppato appositamente per gli smartwatch, ormai lo conosciamo bene, con i suoi swipe per muoversi tra i menù, le watch face personalizzabili e le diverse app preinstallate. L’Express è aggiornato alla versione 2.8 basata su Android 7.1.1 Nougat e implementa alcune app proprietarie tutte dedicate al fitness. Su quest’ultime devo fare una critica poiché, nonostante funzionino abbastanza bene e forniscano contributi anche simpatici, come la classifica locale in base ai passi giornalieri fornita da Step Ranking, sono tutte in lingua inglese. Nel caso in cui esso sia per voi un limite, vi consiglio di utilizzare direttamente Google Fit che, tra le altre cose, permette la sincronizzazione dei dati rilevati anche con altre piattaforme, funzionalità non presente nelle app Ticwatch.

Al di là di ciò, tutto funziona bene, la fluidità è eccellente come anche l’ottimizzazione generale e la qualità offerta nelle diverse modalità di utilizzo. Il sensore per i battiti cardiaci rileva le nostre pulsazioni in maniera veloce e poco importa se la lettura non è perfettamente esatta, d’altronde non ci troviamo di fronte ad uno sportwatch.

Come già anticipato, i Ticwatch hanno anche uno speaker utilizzabile in combinazione con il microfono per le conversazioni telefoniche oppure per ascoltare i brani musicali salvati nella memoria interna. Il volume e la qualità sonora sono in linea con quella offerta dal resto dei diretti competitor: sufficiente.

Durante la prova dell’Express ho notato un altro aspetto positivo che spesso viene trascurato e sottovalutato dagli altri Brand, ossia il tempo utile per avviare l’accensione dell’indossabile. Attenzione: non intendo i secondi necessari per avviare il sistema operativo ma esattamente quelli utili per far partire l’accensione. Sarà sufficiente effettuare una normale pressione del tasto fisico laterale per avviare lo smartwatch, al contrario di molti prodotti analoghi che solitamente richiedono una pressione prolungata del pulsante, talvolta nemmeno accompagnata da una leggera vibrazione finale per indicare l’avvio dell’SO. Nel Ticwatch è, invece, tutto più semplice ed immediato.

TicWatch S

In questo caso la recensione video vi da quel qualcosa in più rispetto a quanto già scritto. Quello che Riccardo conferma è l’ottimo adattamento di questo orologio al mondo sportivo e dei runner. Sebbene non abbia le qualità, funzionalità avanzate e caratteristiche dedicate presenti su prodotti specifici per la corsa, l’autonomia, piacevolezza e preceisione sono lodevoli.

I grafici del video mostrano bene il confronto con veri sport watch e TicWatch S non sfigura affatto nel calcolo della distanza mentre è meno preciso nel conteggio dei battiti e frequenza cardiaca.

CONCLUSIONI

Mobvoi è riuscita a creare indossabili Android Wear davvero eccellenti sotto tutti i punti di vista, soprattutto se si rapportano l’elevata qualità offerta e la dotazione hardware con il web price. Difatti, seguendo le varie promozioni che Amazon o il sito ufficiale propongono periodicamente, sarà possibile acquistare il modello Express a meno di 150 euro e la variante Sport a circa 200 euro.

Recensioni (0)

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “TICWATCH E SHADOW”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shipping & Delivery

Al momento dell'ordine il cliente può decidere il ritiro gratuito in negozio o la spedizione tramite corriere di nostra fiducia. La spedizione verrà effettuata entro 24 ore dal momento dell'ordine, il corriere impiegherà 48/72 ore per effettuare il primo tentativo di consegna a domicilio Le spese di eventuale spedizione sono di 6,90€ indipendentemente dal valore del prodotto o dalla quantità acquistata. Eventuali danneggiamenti della merce durante il trasporto dovranno esserci comunicati tempestivamente tramite raccomandata o mail, e avranno seguito solo nel caso sia stata posta riserva al corriere al momento della consegna.