Descrizione

Descrizione

Il titolo di questa recensione è sicuramente uno “spoiler” a quelle che saranno le mie conclusioni dato che prima di questo nuovo Xperia XZ1 la palma di “miglior Sony” l’avevo data all’Xperia XZ Premium. La cosa potrebbe sembrare logica, ma non lo è. Xperia XZ1, infatti, non è il “top di gamma” della società giapponese ma si va a posizionare un gradino al di sotto del Premium sia in termini di prezzo che di caratteristiche hardware. Eppure, questo Xperia XZ1 mi è piaciuto di più. La motivazione principale è l’usabilità, caratteristica che, a mio avviso, dovrebbe essere quella fondamentale nella scelta di uno smartphone.

DESIGN, MATERIALI ED ERGONOMIA

Ed inizio proprio da questo aspetto anche se prima devo parlare del design. Sony ha mantenuto il suo classico stile “Omnibalance”, molto simmetrico, che ormai declina già da diversi anni, riuscendo comunque ad offrire una sensazione di nuovo all’utente. Il rinnovamento ha riguardato non solo lo spessore, sceso a 7.4mm, ed i materiali ma anche il posizionamento delle antenne che ora sono sui bordi laterali, più visibili nelle colorazioni chiare che in quella nera che ho provato. Le varianti di colore disponibili sono 4: Moonlit Blue, Warm Silver, Venus Pink e Nero.

La scocca è tutta in metallo e va ad unirsi perfettamente al vetro Gorilla Glass 5 della Corning che protegge la parte anteriore del device. L’insieme è armonioso ed offre una sensazione molto piacevole al tatto. Se a questo uniamo delle dimensioni non particolarmente eccessive ed un peso di 156 grammi ecco che l’ergonomia diventa uno degli aspetti più interessanti di questo Xperia XZ1. Certamente, in un momento storico in cui i display full screen in rapporto 18:9 iniziano a farla da padrone, qualcuno potrebbe storcere il naso fissandosi sulle “cornici”, quello spazio eccessivo sulla parte inferiore e superiore. Si, effettivamente è tanto.

Il posizionamento dei tasti laterali è quello classico. Bilanciere del volume in posizione abbastanza comoda così come il tasto di accensione, leggermente incavato, con il sensore biometrico che riesce a riconoscere rapidamente ed accuratamente le impronte. Un po’ più in basso c’è il tasto a doppia corsa dedicato alla fotocamera. Sul lato opposto, invece, il cassettino per la microSD e per la SIM card in formato nano. Sulla parte inferiore c’è la porta USB Type-C che supporta le specifiche 3.1 ed il microfono principale. Il secondo microfono è posto sulla parte superiore dove c’è il jack audio da 3.5mm.

Sul retro, sporgente di un millimetro rispetto alla scocca, c’è la fotocamera Motion Eye con flash a LED, il sensore ToF per la messa a fuoco laser ed RGBC-IR. All’altezza di questi sensori è stata anche posizionata l’antenna per l’NFC. Sulla parte anteriore, infine, oltre ai sensori di luminosità e prossimità, c’è anche un piccolo e comodo LED di notifica RGB ed unafotocamera da 13 megapixel. Sulla parte bassa c’è lo speaker di sistema che fa coppia con la capsula auricolare per la riproduzione dell’audio in stereofonia.

Anche questo Xperia XZ1 resiste ad acqua e polvere con certificazione IP65/68. Sony, tuttavia, si raccomanda di “non esporre il device ad acqua di mare, acqua salata, piscine a base di cloro o altri liquidi (per esempio, bevande)“. Ogni abuso o uso improprio del dispositivo, infatti, annullerà la garanzia.

IL MIGLIOR SNAPDRAGON E 4GB DI RAM

La parte hardware di questo Xperia XZ1 è praticamente la stessa di XZ Premium: Snapdragon 835 (MSM8998) di Qualcomm, un octa core da 2.5GHz con GPU Aredno 540, 4GB di memoria RAM 64GB di memoria interna di tipo UFS 2.1 di cui circa 55GB sono effettivamente a disposizione dell’utente. La memoria può essere espansa tramite microSD che tuttavia non può essere impostata come posizione predefinita ma consente solo di spostarci su foto, musica e video.

  • Materiali: scocca alluminio, Gorilla Glass 5 anteriore / IP65/68
  • Dimensioni e peso: 148 x 73 x 7,4 mm / 156 grammi
  • Display: 5.2” Triluminos display, FullHD, HDR video
  • OS: Android OS v 8.0 Oreo con Xperia launcher
  • Processore: Snapdragon 835 octa-core Kryo 280 CPU (4×2.46GHz +4×1.9GHz) / GPU Adreno 540
  • Fotocamera posteriore: 19MP Sony IMX400 Motion Eye, lente f/2.0, AF Laser e RGBC-IR
  • Registrazione Video:: 4K @30fps, 1080p @30 e @60fps, 720p @960fps, stabilizzazione digitale Steady Shot
  • Fotocamera anteriore: 13MP con autofocus / registrazione video 1080p@30fps
  • Memoria: 4GB di RAM e 64GB di memoria integrata espandibile
  • Connettività: 1Gbps LTE, Wi-Fi a/b/g/n/ac Dual Band, GPS/GLONASS/Beidou, Bluetooth v5.0, NFC, USB-C 3.1
  • Batteria: 2700mAh con QuickCharge 3.0 e Qnovo adaptive charging
  • Altro: Sensore per impronte e stereo speakers

Per quanto riguarda le prestazioni dovrò ripetermi: sempre ottime, nessun tipo di rallentamento, applicazioni rapidissime ad avviarsi e giochi che raggiungono sempre il massimo framerate. I benchmark hanno evidenziato tutta questa potenza a nostra disposizione raggiungendo punteggi molto elevati. Le prestazioni, quindi, sono l’altro aspetto che ho ho unito all’ergonomia per raggiungere quel concetto di usabilità che ho espresso in apertura, “un’usabilità” che non ho trovato in altri top di gamma, vuoi per un’ergonomia non particolarmente elevata, vuoi per sporadici e fastidiosi rallentamenti o incertezze.

Tornando alle prestazioni, altra cosa molto importante e data dal fatto che la temperatura non è mai eccessiva, anche quando lo utilizziamo con una certa intensità grazie, evidentemente, ad un efficace sistema di dissipazione del calore.

Xperia XZ1 è competo anche dal punto di vista della connettività. Oltre al Wi-Fi 802.11a/b/g/n/ac MIMO dual band con DLNA e Miracast, abbiamo anche il Bluetooth 5.0 ed un ricevitore GPS assistito con GLONASS e BeiDou. L’LTE è in categoria 16, in grado quindi di raggiungere una velocità massima di 1Gbps in carrier aggregation. Tanti anche i sensori: accelerometro, luce ambientale, barometro, bussola, giroscopio, prossimità, contapassi, rilevatore di passi, rilevatore di movimento, game rotation vector e geomagnetic rotation vector (!). Non manca il Remote Play che consente la riproduzione remota di Playstation 4.

IL DISPLAY E’ UN OTTIMO IPS DA 5.2” FULL HD CON HDR

Come detto anche nella recensione video, Sony afferma che per fruire al meglio di contenuti multimediali il rapporto giusto è ancora il 16:9 e, per ora, continua per la sua strada. Effettivamente fino a quando non ci saranno contenuti ottimizzati vedere un film, una serie o un documentario su Netflix o su altre piattaforme sarà esattamente la stessa cosa sia su un display in 16:9 che su uno in 18:9, a parte due bende nere più o meno fastidiose, a meno che non decidiate di tagliare una porzione del video per portarlo a tutto schermo. Il ragionamento di Sony quindi, al momento, è sicuramente condivisibile.

Per questo Xperia XZ1, Sony ha utilizzato un pannello IPS Triluminos da 5.2 pollici con risoluzione FullHD, tecnologia HDR, una copertura sRGB dichiarata del 138% ed una densità di 424ppi.

Non ho ancora a disposizione una sonda per farvi l’analisi tecnica per quanto riguarda la fedeltà dei colori e quant’altro ma posso dirvi, basandomi sul miei occhi che ormai sono fortunatamente abituati a vedere pannelli di qualità, che questo display è davvero piacevole da guardare, offre dei colori naturali, un elevato contrasto, grazie ad un nero profondo, ed angoli di visioni molto ampi.
Se le regolazioni di default non vi soddisfano, tramite impostazioni possiamo comunque scegliere una modalità di colore “professionale” che utilizza la gamma sRGB per un aspetto ancora più realistico, una modalità “standard” che utilizza la gamma Triluminos per colori più accesi ed una modalità “Super Vivid” che offre colori ancora più intensi, quasi simili a quelli di un AMOLED. Tramite impostazioni possiamo anche regolare il bilanciamento del bianco ed attivare la modalità X-Reality che migliora la qualità dei video offrendo immagini più nitide e naturali.
Questo display è anche HDR, in grado quindi di riprodurre una gamma dinamica più ampia a patto che i contenuti siano ottimizzati. Amazon Prime e Netflix hanno già inserito questo smartphone tra quelli supportati.
BATTERIA, AUDIO E RICEZIONE

Scorrendo la scheda tecnica potrebbe far storcere il naso leggere 2700mAh alla voce “batteria”. Effettivamente la capacità della batteria del Sony Xperia XZ1 è inferiore a molti altri smartphone di fascia alta presenti sul mercato che integrano batterie da 3000mAh e superiori.

Onestamente, prima di iniziare a provarlo ero un po’ scettico eppure devo dire che durante le intense giornate di lavoro all’IFA di Berlino questo smartphone mi ha sempre portato a sera con una discreta agilità. L’autonomia l’ho trovata tutto sommato simile a quella di XZ Premium che ha una batteria da 3230mAh. A compensare i consumi, oltre ad un display che richiede meno energia, poterebbero esserci anche le ottimizzazioni offerte da Android Oreo.

In media, quindi, sono riuscito a raggiungere le 5 ore di display attivo su circa 15 ore di attività, risultato tutto sommato soddisfacente. Netflix e YouTube consumano circa il 6% ogni 10 minuti di streaming sotto rete Wi-Fi con volume e luminosità al 50%. 10 minuti di gaming con Real Racing 3, invece, fanno scendere la batteria di circa il 3%.

In caso di necessità arrivano in nostro aiuto i sistemi di risparmio energetico STAMINA di Sony che permettono di aumentare l’autonomia andando a sacrificare qualche funzionalità o limitando al minimo l’uso di qualche applicazione.

Anche Xperia XZ1 supporta la tecnologia di ricarica Qnovo Adaptive Charging che, in base all’utilizzo, permette di controllare e regolare la ricarica della batteria per massimizzarne la durata nel tempo. E’ supportata anche la ricarica rapida QuickCharge 3.0 di Qualcomm ma solo tramite un caricabatterie che viene venduto come accessorio opzionale. E questo non mi piace.

Quello che mi piace è la qualità audio. Sony è sempre molto attenta all’audio dei suoi smartphone ed anche su questo Xperia XZ1 abbiamo il supporto HiRes ed un sistema di eliminazione del rumore che funziona in abbinamento a cuffie compatibili. Non mancano unequalizzazione grafico a cinque bande con profili preimpostati e tutte le altre funzionalità ClearAudio+, Clear Bass, DSEE HX, 3D Surround Sound (VPT) ed un normalizzatore dinamico che minimizza le differenze di volume tra brani musicali e video.

Il Bluetooth 5.0 supporta anche l’LDAC e l’aptX HD per una migliore qualità audio, qualità che si sente tutta utilizzando delle cuffie compatibili. Nella confezione data ai giornalisti non è presente nessuna cuffia e non ho avuto informazioni per quanto riguarda la confezione di vendita.

L’audio in capsula è ottimo, corposo e con un buon volume. Nessun problema anche per quanto riguarda la ricezione del segnale, anche in condizioni più difficili. In viva voce viene utilizzato solo lo speaker principale. In questo caso la qualità è tutto sommato buona ma il volume non è molto elevato.

ANDROID E’ GIA’ IN VERSIONE OREO 8.0

Ottima notizia, non si dovrà attendere per avere l’ultima versione di Android su questo device. Xperia XZ1, infatti, è tra i primi smartphone ad arrivare sul mercato già con l’ultima release della piattaforma di Google, la 8.0 Oreo rilasciata ufficialmente solo da poche settimane.

Android Oreo non porta stravolgimenti rispetto alla versione principale ma solo dei miglioramenti funzionali e qualche novità estetica. In particolare abbiamo un rinnovamento grafico delle impostazioni, nuove emoji, il picture in picture per alcune applicazioni (poche ancora quelle supportate), ed una migliore gestione delle notifiche che offrono ora una maggiore possibilità di personalizzazione.

Scelta condivisibile quella di Sony che ha deciso di non appesantire molto l’interfaccia lasciando all’utente un’esperienza d’uso quasi stock. Ovviamente, non mancano varie possibilità di personalizzazione tramite temi oltre a poter scegliere le animazioni delle transizioni e le griglie delle homescreen. L’app drawer può essere ordinato per nome o data di installazione ed anche la tendina delle notifiche può essere personalizzata in base alle nostre preferenze. La tastiera di serie è la Swiftkey, molto personalizzabile e dotata di feed sonoro e a vibrazione.

Diverse le applicazioni preinstallate. Oltre a quelle multimediali di Sony per ia gestione di Musica, Video e Foto, è anche presente Movie Creator per la realizzazione di video, Facebook, Spotify ed AVG Protection. Tutte sono disattivabilii ma non disinstallabili.

Una simpatica novità è Creazione 3D un’applicazione che consente di creare, abbastanza facilmente, un modello tridimensionale di un volto o di un oggetto che possiamo poi condividere o stampare con stampanti 3D. I volti possono essere anche utilizzati nell’applicazione Effetto AR della fotocamera per realizzare dei personaggi animati visualizzabili in realtà aumentata. L’effetto finale è davvero divertente.

IL COMPARTO FOTOGRAFICO E’ LO STESSO DI XZ PREMIUM

Anche su questo Xperia XZ1 troviamo lo stesso comparto fotografico già visto su Xperia XZ Premium, sia per quanto riguarda la fotocamera posteriore che quella anteriore.

Andiamo con la raffica di dati: sul retro c’è una Motion Eye da 19 MP con sensore Exmor RS per dispositivi mobili da 1/2,3″, pixel da 1,22 μm, obiettivo grandangolare Sony G Lens F2.0 da 25 mm, sistema di elaborazione delle immagini BIONZ, zoom digitale 8x e stabilizzatore digitale SteadyShot su 5 assi (3 assi quando registriamo in 4K). La fotocamera anteriore ha invece un sensore da 13 megapixel Exmor RS da 1/3,06” con messa a fuoco automatica e obiettivo grandangolare F2.0 da 22mm. Anche su questa fotocamera è presente la stabilizzazione digitale su 5 assi.

Interfaccia e funzionalità sono praticamente le stesse viste su XZ Premium così come la qualità delle foto che mantiene pregi e difetti. Abbiamo quindi foto di ottima qualità in condizioni di illuminazione ottimale, ricche di dettagli e con colori naturali, ma non si può dire altrettanto quando le condizioni di illuminazione diventano più difficili. In tal caso il dettaglio cala, cosa visibile con un crop dell’immagine, ed aumenta anche un po’ rumorosità. In queste condizioni si riescono comunque ad effettuare degli scatti di qualità soddisfacente. E’ sempre presente, inoltre, una distorsione che risulta più o meno evidente a seconda dei soggetti, cosa già vista su Xperia XZ Premium ed XZs.

Decisamente buona anche la qualità offerta dalla fotocamera anteriore che può beneficare dell’HDR, della messa a fuoco automatica e della stabilizzazione digitale che consente di realizzare ottimi video in risoluzione massima Full HD a 30fps.

Praticamente perfetti anche i video catturati catturati tramite la fotocamera posteriore, fluidi, stabili, dettagliati e con una rapida regolazione di messa a fuoco ed esposizione. Ottima anche la qualità dell’audio catturato. I video possono avere una risoluzione massima 4K a 30fps con codifica H264 o H265 ma possiamo anche registrare in FullHD a 30fps o 60fps.

Ovviamente, non manca la possibilità di registrare video in Super Slow Motion a 960 fps in risoluzione HD ma a patto di avere delle condizioni di illuminazione ottimali.

CONCLUSIONI

Il Sony Xperia XZ1 ha un prezzo di listino di 699 euro, abbastanza elevato, e viene venduto in 4 varianti di colore. Nella fase di preordine è prevista una cuffia Bluetooth in omaggio dal valore di 300 euro (Sony WH-H900N) che può sicuramente renderlo più appetibile.

XZ1 è uno smartphone che mi è piaciuto sotto quasi tutti i punti di vista. In modo particolare ne ho apprezzato le prestazioni, il display HDR e, come più volte ripetuto, l’usabilità. Sul comparto fotografico, come sugli altri Xperia, ci sono luci e qualche ombra ma generalmente si avvicina ai top di riferimento.

ERGONOMIA E MATERIALIOTTIME PRESTAZIONIDISPLAYQUALITA’ FOTO E VIDEO
FOTO NOTTURNE POCO DEFINITEVOLUME VIVAVOCE UN PO’ BASSOCARICABATTERIA QUICK CHARGE 3 IN OPZIONE

VOTO: 8.8

Informazioni aggiuntive

Informazioni aggiuntive

Display

5.2

Ram

Memoria

Camera

19

Doppia sim

S. O.

Android

Recensioni (0)

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “SONY XPERIA XZ1”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shipping & Delivery

Al momento dell'ordine il cliente può decidere il ritiro gratuito in negozio o la spedizione tramite corriere di nostra fiducia. La spedizione verrà effettuata entro 24 ore dal momento dell'ordine, il corriere impiegherà 48/72 ore per effettuare il primo tentativo di consegna a domicilio Le spese di eventuale spedizione sono di 6,90€ indipendentemente dal valore del prodotto o dalla quantità acquistata. Eventuali danneggiamenti della merce durante il trasporto dovranno esserci comunicati tempestivamente tramite raccomandata o mail, e avranno seguito solo nel caso sia stata posta riserva al corriere al momento della consegna.