Shopping cart

close
Solo +39 392.200.67.27

MOTOROLA MOTO G5 PLUS

159,00

condizioni: OTTIME

accessori: SCATOLA – CARICABATTERIE – CAVO DATI

GARANZIA RIDERSTORE 90 GG

1 disponibili

Descrizione

Descrizione

Lenovo ripropone la formula vincente che ha caratterizzato le precedenti generazioni della serie G: buona costruzione, design spartano, hardware di livello e prezzo molto aggressivo. Moto G5 Plus è un signor smartphone, con pochi limiti, che farà la felicità degli appassionati Android ma che forse non è in grado di convincere tutti gli altri. Scopriamo insieme il perché.

Gli smartphone Lenovo della gamma Moto G sono sempre stati dispositivi molto apprezzati in tutte le parti del mondo, soprattutto da coloro che mettono le prestazioni davanti ad ogni cosa, anche a costo di rinunciare a qualcosa sotto il punto di vista del design e pure dell’immediatezza dell’interfaccia utente.Con l’arrivo del 2017 Lenovo non si è lasciata scappare l’occasione di aggiornare la gamma dei suoi smartphone e già da qualche settimana è possibile trovare nei vari store europei il nuovo Moto G5 Plus, versione “grande” del Moto G5, che viene venduto ad un prezzo di listino di 299 euro. Lo abbiamo provato per qualche settimana e ce ne siamo fatti un’idea; la storia è sempre la stessa: velocità ed essenzialità prima di tutto, poi il resto.

Design anonimo, buona la realizzazione

Le prime foto di agenzia diramate al momento della presentazione di febbraio davano già un’idea su quello che si saremmo dovuto aspettare e dal vivo Moto G5 Plus non si smentisce: lo smartphone ha un design tutt’altro che entusiasmante ed è caratterizzato da linee e finiture poco ricercate.  La realizzazione è comunque interamente in metallo, con una tecnologia di nano rivestimento studiata appositamente per proteggere lo smartphone da accidentali contatti con l’acqua; Moto G5 Plus non può comunque essere immerso, ma almeno si può stare relativamente tranquilli in presenza di animali, bambini ma anche sbadati cronici.

Lo smartphone pesa 155 grammi e tutto sommato risulta abbastanza ben bilanciato nelle masse; la finitura quasi ruvida della scocca posteriore fa sì che il prodotto sia anche poco scivoloso. Il dispositivo è da 7,7 millimetri ma a causa dello spessore causato dal corposo modulo fotocamera posteriore, nel punto meno sottile si arriva a 9,7 millimetri, valore che nel 2017 è forse un po’ troppo esagerato. Il lato destro del device è caratterizzato dal classico duo bilanciere del volume e tasto di blocco/sblocco (zigrinato) mentre il lato opposto è libero da ogni tipo di pulsante/ingresso; superiormente c’è spazio per il carrellino destinato all’inserimento di due nano SIM (sì, è un telefono dual-SIM e funziona benissimo) e pure di una microSD fino a 128 GB, caratteristica questa che farà la felicità di tutti coloro che cercano un device dual SIM dalla grande capacità di archiviazione (spesso bisogna rinunciare alla microSD se si vuol inserire una seconda SIM, ma non è questo il caso).

In basso c’è il connettore USB-microUSB per la ricarica del dispositivo e la connessione fisica con i computer, scelta che non condividiamo poiché va a scontrarsi con l’ormai sempre maggiore diffusione del connettore USB Type-C. C’è il jack audio da 3.5mm e manca un altoparlante dedicato, poiché integrato direttamente nella capsula auricolare: non sarà di eccelsa qualità, ma ritrovarsi un audio diffuso frontalmente è certamente comodo nell’utilizzo multimediale.

Display poco luminoso, ma adeguato alla categoria

Protetto dietro ad un vetro Gorilla Glass 3 di Corning c’è un display da 5,2 pollici basato su tecnologia LCD e con trattamento IPS; la risoluzione del pannello è di 1080×1920 pixel, numeri che portano il valore di pixel per pollice ad un più che dignitoso 424. Il display è di buona qualità e assolutamente giusto per la categoria e le cifre in gioco: la riproduzione dei colori è piuttosto realistica, neri e bianchi convincono, il contrasto è adeguato e si potrebbe criticare solo la non strabiliante luminosità di picco, elemento questo che fa sì che il display non risulti sempre perfettamente visibile sotto la fortissima luce solare. I più attenti, in condizioni estreme, riusciranno anche a scorgere la “griglia” del Gorilla Glass frontale; nulla di fastidioso. Buoni gli angoli di visione anche se è sempre un po’ elevata la tendenza al cambio di tonalità in vista laterale. Velocissimo e molto preciso il sensore di luminosità ambientale: non perde un colpo.

Inferiormente al display è presente il sensore di riconoscimento biometrico, estremamente convincente sotto ogni aspetto e praticamente allineato alle migliori soluzioni presenti in ambito smartphone. Il tasto, a differenza della precedente generazione, è scavato nel vetro e risulta più piacevole alla vista; velocissimo lo sblocco e altrettanto rapido il blocco, effettuabile con una pressione prolungata sul sensore. Continuiamo a ritenere poco logica l’impossibilità di sfruttare – di default – il sensore in questione come tasto home; l’utente, soprattutto nei primi giorni di utilizzo, sarà inevitabilmente tentato nel ricercare il pulsante per questa funzione. Per fortuna c’è Moto Actions, di cui parleremo più in là.

Hardware solido, Android stock e Moto Actions

Cuore pulsante di Moto G5 Plus è il chipset Qualcomm Snapdragon 625 (MSM8953) che propone una CPU da otto core Cortex-A53 e 2.0 GHz di clock massimo; la RAM a disposizione dell’utente è di 3 GB mentre lo spazio di storage fisico per l’archiviazione della versione in vendita sul mercato europeo è fissato in 32 GB, espandibili – come già anticipato – via microSD e di cui 7,41 sono occupati dal sistema operativo.

Le prestazioni offerte dallo smartphone in questione sono assolutamente in linea con le aspettative e non ci si ritrova mai in situazioni di difficoltà. Tutto scorre velocemente e con la massima fluidità, merito anche dell’ottimo lavoro di ottimizzazione fatto dagli ingegneri Lenovo al fine di gestire nel modo migliore hardware e software. Lo Snapdragon 625 fa la sua degna figura e il cospicuo quantitativo di RAM aiuta non poco nel multitasking; Android 7.0 Nougat sembra essere cucito alla perfezione sulla componentistica a disposizione e a volte lo smartphone sembra muoversi su livelli ben più elevati rispetto a quelli che ci si attenderebbero su un normale rappresentante della fascia media.

La GPU Adreno 506 è garanzia di estrema solidità e, come in passato, si distingue per la sua capacità di eseguire videogame 3D alla massima risoluzione senza penalizzare troppo il dettaglio grafico. Nessun problema anche con la riproduzione di basilari filmati in 4K, ma provando a calcare la mano con video più impegnativi si finisce per incappare nei limiti di una piattaforma coi i suoi giusti paletti.

Impossibile poi non spendere qualche parola per quanto concerne l’esperienza utente: Lenovo ha deciso di continuare sulla strada dell’essenzialità e il risultato finale è di rilievo. Moto G5 Plus offre una UI Android praticamente stock, con un launcher apribile dal basso che ricorda molto da vicino quello presente sugli smartphone Pixel di Google. Per il resto si è dinanzi ad Android 7.0 Nougat praticamente come mamma Google l’ha fatto, ma con Moto Display e soprattutto Moto Actions a ricordare che si tratta di un Motorola.

Non vi sono più i sensori di prossimità che garantivano l’accensione del display al passaggio di una mano sopra al pannello, ma rimane il lavoro di accelerometri/giroscopio che si sensibilizzano e attivano lo schermo quando rilevano un movimento con le giuste caratteristiche. Caratteristica principe di Moto G5 Plus è certamente quella che vede la grande conferma di Moto Actions, applicazione alla base dell’animo smart di Motorola che permette all’utente di sbizzarrissi in sei diverse gesture, probabilmente una più utile dell’altra.

La più interessante tra tutte è certamente quella che permette il controllo tramite sensore, che una volta attivata fa scomparire i tasti di navigazione a schermo (si guadagna dunque spazio sul display) e trasforma il sensore di impronte digitale in una sorta di controller: con swipe verso destra e verso sinistra si fanno le veci dei due tasti funzione ai lati del pulsante home e con un tap sullo stesso sensore questo funge finalmente da tasto home. All’inizio può sembrare strano ma ci si mette davvero poco ad abituarsi e difficilmente si torna indietro.

Foto nella media: l’hardware c’è, il software un po’ meno

Moto G5 Plus è un dispositivo equipaggiato con una fotocamera principale provvista di sensore da 12 megapixel posto alle spalle di un obiettivo dall’apertura di f/1.7. La messa a fuoco è veloce ma non sempre precisissima, il flash è abbastanza potente e la velocità di scatto è buonissima, soprattutto in condizioni diurne. Le foto scattate in situazioni di illuminazione ideali presentano un buon dettaglio, anche se si è abbastanza lontani dai risultati ottenibili con soluzioni analoghe proposte sui top di gamma; i colori sono realistici, così come molto buona è la scelta dell’esposizione. Le lenti tendono a distorcere un po’ troppo le immagini ai lati; è un problema comune a molti moduli fotocamera di questo tipo ma su Moto G5 Plus la tendenza ci è parsa superiore alla media. Superiore alla media è anche la tendenza al lens flare.

Di sera e/o in ambienti chiusi/poco illuminati la qualità cala in maniera vistosa, ma non si ottengono quasi mai fotografie scadenti; lo scatto diventa più lento, la messa a fuoco va un po’ in crisi e il risultato finale è spesso caratterizzato da micro-mossi un po’ fastidiosi, segno di una chiara tendenza all’allungamento dei tempi di ripresa. È evidente come Lenovo non abbia fatto grandi lavori di ottimizzazione in questo senso; davvero un peccato poiché l’hardware a disposizione è di buon livello. L’applicazione fotocamera offre davvero poche opzioni: c’è il minimo necessario e se ci si vuol togliere qualche soddisfazione bisogna ricorrere alla modalità “professionale”, la quale però non è il massimo della praticità.

I modelli venduti sul mercato europeo sono in grado di registrare filmati in 4K a 2160/30p di discreta qualità, ma volendo si può optare anche per una modalità a 1080/60p così come si può scendere a 120fps e 720p nel caso si voglia ottenere riprese al rallentatore. Il risultato finale non è memorabile in ogni modalità e si sente la mancanza di un buon sistema di stabilizzazione ottica. Sufficiente la fotocamera da 5 megapixel frontale con lenti f/2.2: per i selfie basta e avanza.

Chi è interessato ad un prodotto come Moto G5 Plus probabilmente è un utente che non mette foto e video al centro di tutto, come come è chiaro che la stessa Lenovo non si sia mai sforzata più di tanto in questi ambiti. La formula è sempre la stessa: offrire un hardware di livello così da lavorare il meno possibile sul software.

Buona autonomia, ottima ricezione

Moto G5 Plus porta in dote una batteria non rimovibile da 3000mAh, capacità che permette tranquillamente di arrivare a sera e – volendo – anche di affrontare le prime ore della mattinata successiva. Lo smartphone è equipaggiato con un sistema di ricarica rapida in grado di garantire 6 ore di conversazione con soli 15 minuti di ricarica dalla presa elettrica. Il profilo di scarica si è dimostrato essere sempre piuttosto regolare sia sotto Wi-Fi che sotto rete 4G, segno di un’eccellente ottimizzazione software; le applicazioni sono ben gestite e a giovarne è tutto il sistema.

La ricezione telefonica è ottima e lo smartphone prende benissimo anche in luoghi – per alcuni – “proibitivi”; le telefonate sono di buona qualità, con il sistema di cancellazione del rumore che si comporta in maniera egregia. Meno stabile il Wi-Fi (a/b/g/n dual banco con Wi-Fi Direct, ma niente “ac”), forse un po’ troppo suscettibile alle variazioni di condizione ambientale. Ci sono Bluetooth 4.2 LE, NFC, GPS, GLONASS e pure la radio FM.

Informazioni aggiuntive

Informazioni aggiuntive

Display

5.2

Ram

Memoria

Camera

12

Doppia sim

S. O.

Android

Recensioni (0)

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “MOTOROLA MOTO G5 PLUS”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shipping & Delivery

Al momento dell'ordine il cliente può decidere il ritiro gratuito in negozio o la spedizione tramite corriere di nostra fiducia. La spedizione verrà effettuata entro 24 ore dal momento dell'ordine, il corriere impiegherà 48/72 ore per effettuare il primo tentativo di consegna a domicilio Le spese di eventuale spedizione sono di 6,90€ indipendentemente dal valore del prodotto o dalla quantità acquistata. Eventuali danneggiamenti della merce durante il trasporto dovranno esserci comunicati tempestivamente tramite raccomandata o mail, e avranno seguito solo nel caso sia stata posta riserva al corriere al momento della consegna.

Scroll To Top

Seguici sui social

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Per ulteriori informazioni.